info@visita-firenze.it

Centro Citta' Ovest

Centro Città Ovest

Nella zona occidentale si trova Piazza della Repubblica, considerata l’ombelico di Firenze. Tale piazza deve la sua struttura odierna agli interventi urbanistici eseguiti in occasione della proclamazione, nel 1865, di Firenze capitale d’Italia. La città Toscana, infatti, fu capitale del Regno d’Italia dal 1865 al 1870, per questo l’antichissimo Mercato Vecchio ed il Ghetto furono rasi al suolo per far posto agli imponenti ed eleganti palazzi di rappresentanza di Piazza della Repubblica. Tutt’oggi la Piazza è il salotto buono: qui si trovano caffè letterari e negozi molto chic.

A testimonianza di questa parte della città prima del risanamento ottocentesco, oggi rimane, solo, la Colonna della Dovizia, detta, anche, dell’Abbondanza, risalente al periodo dell’antica Roma. Oltrepassando Piazza della Repubblica, si giunge a Palazzo Strozzi. Questo edificio, commissionato dal ricchissimo mercante Filippo Strozzi nel XV secolo, è divenuto uno dei maggiori esempi di architettura umanistico-rinascimentale per la sua struttura regolare, maestosa e simmetrica che lo rende, tra l’altro, molto simile a Palazzo Medici-Riccardi. La Chiesa più importante di questa zona è la Basilica di Santa Maria Novella. L’edificio, costruito sull’antica chiesa delle Vigne, fu commissionato dall’Ordine dei Domenicani. I lavori iniziarono nel 1246 e furono finiti nel 1470, quando Leon Battista Alberti completò la splendida facciata di marmo bianco e nero. All’interno della Basiica si trovano capolavori di Giotto, dell’Orcagna, di Brunelleschi, di Masaccio, del Ghirlandaio e di Filippino Lippi. Nei chiostri sono, invece , ammirabili gli affreschi di Paolo Uccello e della scuola fiorentina. Oltre la stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, raro esempio, a Firenze, di architettura novecentesca, si trova la Fortezza da Basso. Questa è un imponente esemplare di architettura militare rinascimentale. Essa fu edificata in occasione del ritorno dei Medici al Governo dopo che la città, dal 1529 al 1530, ebbe subito un drammatico assedio. Oggi la Fortezza è una prestigiosa sede espositiva.